Cosa vedere nelle Marche: preparatevi ad un viaggio che vi soprenderà

by Racconti di Marche
0 comment

Lo slogan più azzeccato di sempre descriveva le Marche come “l’Italia in una Regione”. Ed è proprio così: questa terra ancora così poco conosciuta racchiude talmente tanti aspetti e cose da vedere che vi sorprenderà.

 

Se siete arrivati a questo post probabilmente non siete marchigiani e forse state valutando o avete deciso di trascorrere del tempo nelle Marche.

Cosa vedere nelle Marche! Sappiate che non è affatto facile rispondere in poche righe e in un unico articolo (in questo blog troverete centinaia di post dedicate alle Marche) e proverò a darvi un concentrato di cose da fare e da vedere insieme al primo consiglio: scegliete una o due zone (che sia il Conero, il Montefeltro, i Sibillini, il Piceno o altro) o un tema specifico e dedicate tempo, perché la visita ve ne richiederà.

Questo articolo è in continuo aggiornamento per darvi informazioni e approfondimenti sempre attuali, oltre a curiosità a informazioni pratiche.

Cosa vedere nelle Marche: le grandi città

Parlare di grandi città è un po’ ottimista in una regione che di abitanti ne fa 1 milione e mezzo e il suo capoluogo supera di poco i 100 mila.  Iniziamo quindi da Ancona: città dall’anima portuale e dalla storia antica, fondata dai Greci, conserva tracce romane (un fantastico arco Traiano e un anfiteatro) e una voglia di riscatto turistico e culturale che vede nella mole Vanvitelliana, stupefacente edificio pentagonale, un polo culturale e artistico sempre attivo e innovativo.

 

Leggi tutti gli articoli dedicati alla città di Ancona

 

ANCONA- l’arco di Traiano (sullo sfondo) e il Settecentesco arco Clementino.

 

Urbino, patria dei duchi di Montefeltro, città di Raffaello e città universitaria è forse la città più famosa e visitata delle Marche e il Palazzo Ducale, con i fiabeschi torricini e lo studiolo del Duca tutto in legno intarsiato uno dei suoi punti di forza.

 

Cosa vedere nelle Marche: Urbino e Palazzo Ducale

 

Spostandovi sulla costa vi aspetta l’elegante Pesaro, città di Rossini con il suo maestoso teatro, i Musei Civici e la famosissima Palla di Pomodoro diventata il simbolo della città.

Leggi anche: Cosa vedere nei dintorni di Urbino

 

ASCOLI PICENO: piazza del Popolo

 

Vera e propria scoperta sarà la bianchissima Ascoli Piceno, per me la città più bella delle Marche, a cui dedicare almeno una giornata intera, mentre la borghese Macerata, coi i suoi mattoni rosati, lo sferisterio, i numerosi musei e la sua atmosfera rilassata e sofisticata vi conquisterà.

 

MACERATA: Piaggia della Torre

 

La piccolina Fermo ospita le cisterne romane più grandi d’Italia, il teatro storico più grande delle Marche e una Pinacoteca con un capolavoro di Rubens: l‘Adorazione dei Pastori.

Nelle cisterne romane di Fermo potete anche divertirvi con una labirintica escape room, al momento l’unica in Italia in un sito storico ipogeo.

 

Cosa vedere nelle Marche: FERMO e il Teatro dell’Aquila


Solitamente la guida che utilizzo nei miei spostamenti marchigiani è la Lonely Planet accompagnata dalla Guida Rossa del Touring Club Italiano, ma se volete c’è anche il mio libro Racconti di Marche – 10 classifiche 100 idee per scoprire la regione in maniera insolita che potete acquistare su Amazon o direttamente QUI dal sito dell’editore.


Cosa vedere nelle Marche: le città più piccole

Accanto alla città capoluogo sono numerose le città da scoprire: la poliedrica Senigallia vivace tutto l’anno e meta estiva imperdibile con i suoi eventi (dal Caterraduno al Summer Jamboree), alla elegante Fossombrone con il suo scenografico ponte.

 

FABRIANO: la fontana di Sturinalto

 

Fabriano da polo industriale si sta riconvertendo in città della cultura e della creatività.  Jesi la città che ha dato i natali a Federico II racconta l’epopea del grande imperatore in un museo nuovissimo, e ha una galleria Rococò tra le più belle d’Italia. Lungo la costa troverete le città importanti e vitalissime tutto l’anno come Civitanova Marche, il cui cuore antico si trova invece in collina e San Benedetto del Tronto centro nevralgico della Riviera delle Palme. Un salto a Osimo in una delle mostre organizzate a palazzo Campana o per la visita della sue grotte.

 

L’interno del Maceratese custodisce due gioiellini: San Severino Marche, e la sua bellissima Piazza, e Tolentino che ospita la basilica di San Nicola.

 

Se amate la poesia una tappa è d’obbligo a Recanati, la città di Giacomo Leopardi, che ha dato i natali anche al famosissimo tenore Beniamino Gigli (e dove potete visitare il suo museo) e che custodisce importanti opere di Lorenzo Lotto, tra cui la bellissima Annunciazione. 

Recanati non è quindi solo Leopardi, e lo potete scoprire in questo itinerario,  e ospita anche il Museo dell’Emigrazione Marchigiana.

Le cose da vedere nelle Marche non sono mica finite: vi aspettano borghi, mare, montagna, arte e molto altro.

 

 >>> CLICCA QUI <<<

per andare alla pagina successiva

 

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!
  • 1.3K
  •  
  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    1.3K
    Shares

Ti potrebbe interessare anche

Leave a Comment

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.