Visso: un gioiello tra i Monti Sibillini

by Racconti di Marche
3 comments

VISSO – Natura, enogastronomia (tartufi, norcineria, trote), arte, cultura e letteratura sono alcune delle attrazioni di questo borgo dell’entroterra maceratese eletto anche uno dei Borghi più belli di Italia.

Da sempre ho avuto un debole per questa piccola cittadina meta prediletta delle scampagnate domenicali della mia infanzia. La città di Visso, 1300 abitanti nel cuore dei Monti Sibillini e dell’omonimo parco,  si trova a 608 mt di altezza in una conca tra il torrente Ussita e il fiume Nera nella Provincia di Macerata.

L’elegante porta di Santa Maria introduce il visitatore all’interno del centro storico e nella elegante e accogliente Piazza Martiri Vissani racchiusa su due lati da chiese. Sulla sommità spicca la Chiesa di Sant’Agostino in pietra bianca con la sua facciata “Abruzzese” caratterizzata da un portale gotico e da uno scenografico rosone.  La chiesa è oggi sede del Museo Parrocchiale. Alla sua sinistra un’altra bianca parete in pietra  interrotta da uno splendido portale protetto da due leoni. È l’ingresso della Chiesa di Santa Maria da cui svetta anche un leggiadro campanile ingentilito da bifore e trifore. All’interno della chiesa troverete un singolare affresco: interessante non tanto per la fattura, diciamo piuttosto naif, quanto per la mole visto che l’opera, che raffigura San Cristoforo, ricopre l’intera parete fino al soffitto.

visso_11

Piazza Martiri Vissani è caratterizzata inoltre da eleganti palazzi colorati e ben tenuti, portici con bar e ristoranti dove riposarsi e rifocillarsi con vero piacere. Passeggiando tra vicoli e viuzze noterete che tutta la città è ben conservata e ricca di particolari e scorsi da fotografare, specie con l corso d’acqua che la percorre.
 visso_6
LEGGI ANCHE–> La collegiata di Santa Maria di Visso 
Poco distante dalla piazza vi imbatterete in un elegante edificio sede del Comune: Palazzo dei Priori. La facciata si apre con un portale gotico sovrastato da un balcone. All’interno del palazzo sono conservati anche numerosi manoscritti del poeta della modernità italiano più famoso e anch’esso Marchigiano, Giacomo Leopardi. Potrete ammirare uno dei pochissimi manoscrittti originali della sua poesia più celebre L’infinito.

La città è sovrastata da due torri recentemente restaurate, la passeggiata è piacevole e non impegnativa, almeno che il sole non picchi forte sulle vostre teste.

Lasciando Visso, percorrendo la strada verso Ussita, vi consiglio di fermarvi a vedere le troticolture, magari trovate anche la cena per la sera.

Nei dintorni: non perdetevi il Santuario di Macereto, ed un tuffo nel Lago di Fiastra.
Altre foto di Visso le trovi su questo articolo – > Visso in 10 immagini

 

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

Ti potrebbe interessare anche

3 comments

muscosa 5 Febbraio 2012 - 17:49

Comprendo e condivido pienamente ciò che provi per la cittadina di Visso.
Tornare in questo piccolo gioiello del Parco Nazionale dei Monti Sibillini è ogni volta un autentico piacere.

Reply
Sonia 23 Gennaio 2013 - 10:46

da camperista aggiungo che c’è una comodissima area sosta camper attaccata al centro della cittadina. San Cristoforo è immenso ma peccato che non si trovano cartoline del gigante buono

Reply
admin-raccontidimarche 28 Gennaio 2013 - 11:56

Grazie Sonia, peccato la storia delle cartoline….. ;-P
dovremmo fare un esposto!

Reply

Leave a Comment

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.