Faenza e dintorni: mini itinerario di viaggio

by Racconti di Marche
0 comment

Faenza è una di quelle città in cui in tanti passano, in treno o in autostrada, ma pochi si fermano, ed a torto, perché invece è una cittadina di provincia molto curata e accogliente. Faenza è stata il centro del nostro brevissimo tour di due giorni regalo del mio compleanno.

Dove andare quando hai a disposizione solo due giorni e quindi devi scegliere una meta vicina alle Marche? In Umbria eravamo stati l’anno scorso (a Città di Castello per la precisione), in Abruzzo avevamo già fatto numerose mete e così abbiamo optato per la Romagna, scegliendo Faenza come base di appoggio.

Faenza e dintorni – prima tappa: Cesena

Partiti sabato mattina la prima tappa è stata Cesena, dove ci siamo fermati per motivi assolutamente validi: il Festival Internazionale del Cibo di strada. Il nostro pranzo è stato un bellissimo giro attorno al mondo passando dagli arrosticini ai panzerotti, dalle empanadas al kebab, dalla sfogliatella napoletana al gelato della latteria di Cesena.

 

Tempo per scoprire la città ne abbiamo avuto poco, ma quello che salta all’occhio nella città ducale è la somiglianza con una città marchigiana: Senigallia. Entrambe sotto la corte dei delle Rovere, entrambe hanno una Rocca e un foro Annonanario e si girano in bicicletta.

La Rocca Rovesca di Cesena è contornata da una bella selva e si trova nella parte alta della città, per cui dovete scarpinare un po’ per raggiungerla, magari partendo dalla scalinata che si snoda proprio dalla centralissima ed elegante piazza del Popolo. 

In piazza del Popolo  a Cesena troneggia la monumentale fontana Masini in pietra d’Istria (se conoscete Ancona questa pietra vi sarà molto familiare).

 

 

Lasciata Cesena ci dirigiamo verso Faenza, lil tempo di depositare  i bagagli al nostro BB Fondo Riso, ci dirigiamo subito al Museo Internazionale della Ceramica dove usciamo quando è praticamente sera, senza averlo visto tutto per quanto è grande!

 

Il nostro BB Fondo Riso, che è anche un bike hotel, perfetto per chi gira in bici o in moto

 

Faenza e dintorni: il Museo internazionale della ceramica

 

 

L’approccio alla città è quindi al crepuscolo e ci accoglie l’elegante e maestosa Piazza del Popolo, con i suoi portici e il via vai allegro di bambini e biciclette.

Faenza e dintorni: verso Brisighella

La mattina seguente lasciamo Faenza e ci dirigiamo verso il borgo di Brisighella, uno dei borghi più belli d’Italia e Bandiera Arancione del Touring Club Italiano e se ci capitate ad Ottobre, come abbiamo fatto noi, ricordatevi che ogni domenica vi aspetta una storica sagra della Polenta che ovviamente non ci siamo fatti mancare.

 

LEGGI ANCHE -> Cosa vedere nella colorata Brisighella

 

 

Capatina in Toscana

Il paesaggio dell’entroterra Ravennate è molto rigoglioso: dolci colline, un po’ come quelle marchigiane, qualche calanco, vigneti, frutteti e coltivazioni di kiwi!!E così strada facendo abbiamo sconfinato in Toscana direzione Marradi.

Gli studi letterali di P. volevano ripercorrere le orme del poeta Dino Campana nato e vissuto proprio a Marradi, ma lungo la strada la castagnata del marrone buono di Marradi ci ha sconvolto i piani. Insomma: paese strapieno di gente, ingresso a pagamento e i percorsi di Campana saranno per la prossima volta (intanto in bel sacchetto di marroni buoni di Marradi, quelli grandi, è tornato a casa con noi).

 

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!
  • 29
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    29
    Shares

Ti potrebbe interessare anche

Leave a Comment

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.