L’okapi e gli altri animali dello zoo di Falconara

by Racconti di Marche
0 comment

Avete mai visto un okapi? Ma soprattutto: che animale è l’okapi? Basta andare allo zoo di Falconara per conoscerlo, dare anche una mano alla sua specie in via di estinzione e vedere tanti altri animali.

Prima di svelare il mistero sull’okapi e di raccontarvi gli animali ospiti dello zoo di Falconara credo sia opportuno e doveroso fare una piccola premessa.

Ha senso oggi visitare uno zoo? Devo ammettere che mi sono posta questa domanda quando lo zoo di Falconara ha invitato la community Igers Ancona a visitarlo, a conoscere gli animali, la struttura e la loro filosofia di gestione della struttura. Non sono una grande fan del genere e si contano sulla punta della dita le strutture similari che ho visitato e vi ho raccontato come l’acquario di Genova e alla biosfera di Montreal. Certo vedere gli animali nel loro habitat come ho potuto fare in Sudafrica presso l‘Addo National Park è qualcosa di davvero speciale ed emozionante , ma le due esperienze sono davvero due cose differenti. Gli zoo sono cambiati, per fortuna, nel corso degli ultimi decenni e così quello di Falconara, diventando punti di studio e di protezione delle specie animali, con programmi specifici per il loro benessere e per il benessere di tutta la specie a cui appartengono. Dopo aver tempestato di domande la biologa che ci ha guidati per il parco zoo di Falconara sento di aver abbattuto dei preconcetti e di aver imparato qualcosa di più su queste strutture, oltre ad aver visto l’okapi. Se se vi va di proseguire nella lettura di queste righe provo a raccontarvi cosa significa visitare oggi lo zoo di Falconara.

Il parco zoo di Falconara: la filosofia

Il parco zoo di Falconara ha invertito decisamente la rotta: niente gabbie, solo vetri, spazi verdi, al primo posto il benessere degli animali ospitati, per questo il parco aderisce ad associazioni internazionali di primo livello che ne garantiscono la qualità della struttura, il benessere degli animali e l’adesione a programmi di salvaguardia della specie in via di estinzione.

 

Le due giraffe ospiti delle zoo di Falconara.

Ma come viene garantito i benessere degli animali? Attraverso una loro costante cura, controllo e alimentazione controllata e bilanciata. Per gli animali erbivori le foglie vengono addirittura congelate per essere poi scongelate durante il periodo invernale ed essere gustate dagli animali. Lo zoo ha dei fornitori di carne di eccellenza e una “cucina dove prepara  giornalmente i pasti da dare agli animali.

Ogni animale ha la sua “casa” costruita secondo le specifiche esigenze e video controllata.

Gli animali dello zoo sono tutti nati in cattività e nessuno è stato prelevato dall’ambiente naturale. Le specie vengono monitorate a livello europeo così come le nascite in modo da far variare i geni e rafforzare la specie. Ogni nuova nascita viene inserita nel database internazionale e così anche gli accoppiamenti vengono monitorati e gestiti in modo da evitare rapporti tra consanguinei. Il parco partecipa poi a programmi di reinserimento delle specie nel loro habitat (in zone ovviamente protette).

Il parco zoo di Falconara: gli animali e l’okapi

Veniamo dunque ai protagonisti dello zoo: che animali trovare? Giraffe, ghepardi (che potrete osservare da molto vicino grazie a speciali piramidi in vetro), leoni, cammelli, zebre, fenicotteri, suricati (davvero affamati) cavie, il cane procione e tantissime altre specie, e ovviamente l’okapi!!! (Immagine di copertina!).

L’okapi è un mammifero dell’Africa centrale. A prima vista l’okapi sembrerebbe una zebra piccolina in realtà appartiene alla famiglia delle giraffe. L’okapi preferisce infatti mangiare dagli alberi e ha una lingua piuttosto lunga. Nel parco zoo di Falconara sono presenti due esemplari: una femmina e un maschio. Lo zoo contribuisce alla protezione della specie finanziandoo appositi programmi di salvaguardia in Africa.

Il parco zoo di Falconara: organizzare la visita

Il parco predispone di un ristorante e di numerose aree picnic e giochi per i più piccoli. Se pensate ad una visita prendetevi il giusto tempo, i diversi animali hanno ritmi diversi e non tutti sono visibili in ogni momento, ma a differenti ore del giorno, per cui con una buon numero di ore avrete la possibilità di ammirare molti più animali.

Nel parco zoo di Falconara non possono entrare i cani ma ci sono a disposizione box gratuiti per i nostri amici a quattro zampe.

 

www.parcozoofalconara.com

 

 

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ti potrebbe interessare anche

Leave a Comment

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.