Bagni Triponzo: le Terme Umbre che piacevano agli antichi romani

by Racconti di Marche
0 comment

Che i romani avessero l’occhio lungo lungo per le terme era noto, e in Valnerina, da millenni,  le acque termali che sgorgano dai Sibillini vengono utilizzate a scopi terapeutici. Oggi un moderno impianto permette di goderne anche per la bellezza e per il relax: benvenuti ai Bagni Triponzo.

Già Virgilio aveva capito l’importanza di queste terme definendole «…Sulfurea Nar albus aqua…» L’acqua del Nera incontra lo zolfo e diventa bianca e un toccasana per la pelle.

 

 

Siamo nella Valnerina, in Umbria a pochi chilometri da Visso e dal confine marchigiano (al momento la Valnerina è ancora parzialmente chiusa per via dei danni causati del terremoto). In mezzo alle montagne, lontani da traffico e dal caos, ma anche dall’inquinamento luminoso, ci sono i Bagni Triponzo.

Lo stabilimento Ottocentesco (del 1887 per essere precisi), costruito sulle antiche terme romane  è stato rinnovato e adattato alle esigenze della clientela attuale diventando il più grande di tutta l’Umbria.

#Ripartidaisibillni2 e la tappa alle terme di Triponzo

Grazie al tour #RipartidaiSobillini2 ho conosciuto e ampiamente goduto delle Terme di Triponzo. In un caldo pomeriggio di metà ottobre ci siamo rilassati in accappatoio girando tra le diverse piscine e vasche della struttura. Ho sottolineato la parola “accappatoio” perché è proprio lo stile dei Bagni Triponzo.

 

LEGGI ANCHE -> Da Colfiorito alla Valnerina: itinerario nell’Umbria meno conosciuta

 

Bagno Triponzo: trascorrere una giornata con costume e accappatoio, anche al ristorante.

Ma andiamo con ordine: ai Bagni Triponzo potete mangiare comodamente in accappatoio al ristorante Acquaforte che con la sua ampia vetrata si affaccia sulla piscina esterna. Il menù è sostanzioso e non mancate di assaggiare la pinsa romana. 

 

Bagno Triponzo: le terme e la spa

La struttura termale del bagni Triponzo è davvero molto ampia. A colpirvi sarà la grande piscina esterna dall’acqua biancastra. E’ la fonte di Virgilio. La temperature dell’acqua è sui 30 gradi e quindi anche se fuori non  fa caldissimo potete immergervi.

Ai lati della piscina troverete numerosi sassi ricoperti da una patina biancastra, è lo zolfo dell’acqua. Prendetela con le mani e massaggiatevela sul corpo (facendo attenzione a non toccare gli occhi,  mi raccomando non sfregateveli nemmeno dopo con le mani lo zolfo li potrebbe irritare).

L’acqua di questa piscina è appunto biancastra quindi non vedrete il fondo. All’interno vi aspetta un’altra piscina, quella delle fate sempre con l’acqua termale è sui 33  gradi: qui ci saranno numerose ed effervescenti postazioni idromassaggio a coccolarvi.

Leggenda narra che le fate dei Sibillini scendessero a valle per venire a tonificarsi proprio in queste acque.

 

 

Non è mica finita: scendendo al piano di sotto  vi aspetta il percorso benessere: la Grotta di Alcina con sauna, bagno turco, docce emozionali, ghiaccio tonificante e un’ampia vasca.

Per rilassarsi il bar con le tisane e lungo la struttura Ottocentesce le stanze per i trammenti, dai massaggi ai trattamenti di bellezza, e anche una spa con acqua termale assolutamente privata!

Terme di Triponzo: i benefici dell’acqua e dello zolfo

L’acqua delle terme ha il classico odore di zolfo, se siete stati a saturnia sapete di cosa parlo, ma l’odore è molto meno intenso e soprattutto meno persistente rispetto alle cugine terme toscane.

Il consiglio è quello di strofinarvi addosso la patina di zolfo per purificare la pelle e poi, al momento della doccia finale evitare il bagnoschiuma per non lavare subito via i benefici dell’acqua termale.

 

 

I Bagni Triponzo offrono diversi pacchetti e numerosi trattamenti ce potrete scoprire direttamente sul loro sito. Vi consiglio di tenere d’occhio anche la pagina Facebook perché organizzano numerosi eventi in 2accappatoio” e serate speciali: tipo il capodanno.

Girando per le terme sicuramente vi imbatterete in questa dolcissima gattina, è la mascottina dei Bagni Triponzo, e ama giocare e prendersi un sacco di coccole.

 

www.bagnitriponzo.it

PS io sono quella con il costume rosso, l’altra è la mia amica Eleonora  😉
Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!
  • 241
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    241
    Shares

Ti potrebbe interessare anche

Leave a Comment

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.