Belforte del Chienti e il Polittico di Giovanni Boccati.

by Racconti di Marche
0 comment

Belforte del Chienti è un piccolo borgo poco distante da Tolentino che difficilmente non noterete passando per la superstrada Val di Chienti vista la sua posizione arroccata e affacciata sulla valle. Belforte del Chienti non ha nemmeno 2 mila abitanti eppure racchiude diversi aspetti, molto interessanti, da vedere.

 

Arrivati a Belforte del Chienti la prima cosa che noterete è la graziosa architettura del borgo, raccolto e ben curato, nonostante le ferite del sisma del 2016.

Passando per l’arco di ingresso soffermatevi un attimo al lavatoio: già avrete un primo assaggio del panorama che offre il borgo. Entrati in paese nella piccola e raccolta piazza del comune vi aspetta la chiesa di Sant’Eustachio con i suoi austeri mattoncini rossi, entrate perché vi aspetta un capolavoro. (Una piccola chicca: sotto le logge del Palazzo Comunale vi è ancora un’antica latrina in pietra).

Cosa vedere a Belforte del Chienti: il Polittico di Giovanni Boccati

Il pezzo forte della chiesa è un maestoso polittico di 4, 83 metri di altezza e 3, 325 di larghezza: 12 pannelli racchiusi da una preziosissima cornice in legno dorato.

 

Il polittico risale al 1468 è ed opera del pittore di Camerino Giovanni Boccati. Rappresenta la Vergine in Trono contornata da Santi. La bellezza dei tratti e la maestria dei dettagli fanno di questo maestoso Polittico sicuramente uno dei più belli e importanti delle Marche.

Poco distante da Belforte, nel comune di Serrapetrona, vi aspetta un altro bellissimo e imperdibile Polittico di Lorenzo d’Alessandro, custodita nella chiesa di San Francesco.

 

Soffermatevi sul trono della Vergine: noterete che non tocca terra grazie a delle piccole sfere di vetro che enfatizzano la purezza della Madonna. Altro elemento di rilievo è il cavallo alla sinistra della composizione, raffigurato con occhi quasi umani.

La chiesa di Sant’Eustachio conserva altri piccoli tesori, come la statua lignea raffigurante il San Sebastiano.

 

LEGGI ANCHE -> Gusto e arte: itinerario tra Belforte, Serrapetrona e Pievefavera. 

 

Berlforte del Chienti e l’arte Contemporanea

 

Ebbene sì!  A Belforte del Chienti vi aspetta anche l’arte contemporanea. Un primo assaggio potete averlo a Palazzo Bonfranceschi, non solo è una residenza storica dove potete fermarvi a dormire, ma ospita anche una mostra permanente di arte contemporanea. Poco fuori dalle mura vi aspetta un’altra chiesa, la ex Chiesa di San Sebastiano, che ospita il Museo Internazionale di Arte dinamica Contemporanea .

 

 

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!
  • 129
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    129
    Shares

Ti potrebbe interessare anche

Leave a Comment

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.