Cosa vedere a Castelfidardo, la città della fisarmonica

by Racconti di Marche
0 comment

CASTELFIDARDO – Oltre 18 mila abitanti per questa elegante cittadina che si affaccia sul Conero, patria della fisarmonica e luogo dove avvenne la battaglia cruciale per l’Unità d’Italia.  Vi racconto cosa vedere a Castelfidardo.

Era il 1863 quando Paolo Soprani crea la prima industria per la produzione della fisarmonica, strumento che creato evolvendo l’organetto e il bandoneon. Leggenda vuole che Astor Piazzolla, in visita a Loreto, venne ospitato a casa Soprani e che per ricambiare dell’ospitalità regalò alla famiglia il proprio bandoneon, da quale Soprani si ingegnò per ottimizzarlo segnando un altro tassello per la nascita della fisarmonica.

Prima tappa del nostro tour di Castelfidardo è proprio il museo internazionale della Fisarmonica

Il Museo internazionale della Fisarmonica si trova nella Piazza principale di Castelfidardo di fianco il Palazzo Comunale, inaugurato nel 1981 e restaurato nel 2020, nei 500 mq di esposizione ospita 100 preziosi modelli tra cui anche un bandoneon originale appartenuto ad Astor Piazzolla.

Cosa vedere a Castelfidardo: il museo internazionale della fisarmonica

Cosa vedere a Castelfidardardo: il Museo del Risorgimento

Poco distante, sempre nel centro storico potete visitare il Museo deo Risorgimento ospitato nelle sale di palazzo Ciriaco Mordini. Le sale raccontano la situazione del 1860, con un dettaglio sugli avvenimenti che hanno portato alla battaglia di Castelfidardo.

Cosa vedere a Castelfidardo: la collegiata di Santo Stefano e la sua cripta Cinquecentesca 

L’elegante cripta costituisce la prima chiesa sulla quale è stata poi realizzata l’attuale collegiata. La visita alla cripta comprende la mostra dei paramenti sacri e una mostra dedicata all’artigianato dello Zambia grazie alla missione in questo paese di Padre Francesco Mazzieri, Vescovo Missionario in Africa.

Cosa vedere a Castelfidardo: la cripta Cinquecentesca della Collegiata di Santo Stefano

Cosa vedere a Castelfidardo: il Belvedere Monti Sibillini

Nella parte alta della città vi aspetta una piccola piazza con due panchine ed un bellissimo panorama che spazia da Recanati, al San Vicino fino ai Sibillini al Gran Sasso e alla Maiella. Curioso anche l’orticello che trovate sotto le mura. Questo belvedere ce l’ha consigliato un signore che abbiamo incontrato per le vie del centro.

Cosa vedere a Castelfidardo: il Belvedere Monti Sibillini

Cosa vedere a Castelfidardo: il monumento Nazionale alla Battaglia

In piazza Garibaldi trovate questa imponente scultura in bronzo realizzata nel 1910 che raffigura il generale Cialdini che guida i suoi soldati all’attacco.

La Selva di Castelfidardo

Poco lontano dal centro non perdetevi una rilassante passeggiata nella Selva di Castelfidardo che costituisce uno degli ultimi esempi di foreste di querce che ricoprivano le Marche e qui, alle sue pendici venne combattuta la battaglia di Castelfidardo.

A Castelfidardo non mancate di gustare un ottimo gelato presso la gelateria La Castellana 

0 comment

Ti potrebbe interessare anche

Leave a Comment

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per altre finalità come specificato nella cookie policy. Puoi acconsentire all’utilizzo di tali tecnologie utilizzando il pulsante “Accetta”, interagendo con un link o un pulsante al di fuori di questa informativa o continuando a navigare in altro modo. Accetta Leggi di più

Privacy & Cookies Policy