L’italiano più amato in Cina

by Racconti di Marche
2 comments

Chi è l’italiano più amato in cina? Un marchigiano: Padre Matteo Ricci, gesuita maceratese.

 

 

«Non sono nato a Roma, ma in questa terra di mezzo sul mare Adriatico. Si chiama Marche ed è abitata da uomini sobri e prudenti, più amanti del silenzio che delle parole, molto versati nel lavoro. Nel centro c’è una città che si chiama Macerata, distesa dentro mura di mattone chiaro e rosa, sopra un colle che guarda il mare verso Oriente. Qui sono nato, qui vivono mio padre, mia madre e i miei fratelli».

Così rispose Padre Matteo Ricci (1552-1610), gesuita maceratese a Wang Pang, durante il suo lungo soggiorno in Cina. Padre Matteo Ricci rappresenta una delle figure chiave nei rapporti tra occidente e oriente, conosciuto in Cina come Li Madou, riuscì, nel corso della sua opera, a convertire al cristianesimo importanti figure intellettuali del tempo e, alla sua morte, ricevette il privilegio imperiale di essere sepolto a Pechino, cosa alquanto rara per uno straniero.
La tomba di Padre Matteo Ricci si trova oggi all’interno del Cimitero di Zhalan, presso il Collegio Amministrativo di Pechino (Beijing Administrative College), situato nei pressi del Tempio delle Cinque Pagode, alla periferia nord-ovest della città.

E voi lo sapevate che proprio un maceratese fosse l’italiano più amato dai cinesi?

,
Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!
  • 191
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    191
    Shares

Ti potrebbe interessare anche

2 comments

Isairon 20 Gennaio 2010 - 14:49

Ho subito pensato “sicuramente parlerà di Marco Polo, ma che c’entra con le Marche?” Infatti! 😀
Sempre interessanti i tuoi post che mi permettono di conoscere meglio la nostra bella regione! 😉

Reply
Narratore 20 Gennaio 2010 - 16:54

Padre Matteo Ricci è un altro esempio delle marche: ottime cose, ma poco conosciute.
Io lo conoscevo perchè avendo studiato a macerata, anche solo per la toponomastica, ne senti parlare.
ma di quanto fosse stata importante la sua opera l’ho scoperto da poco.

Reply

Leave a Comment

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.