Jurmala: la spiaggia più amata dai Russi

Andare al mare a Riga? Ma certo, a Jurmala vi aspetta la spiaggia più cool delle Ex Unione Sovietica…o almeno lo era a quei tempi.

Siamo capitati nella spiaggia di Jurmala a Ferragosto, anzi era il 16 di agosto, era piuttosto freddo anche se qualche temerario faceva il bagno, e la  spiaggia aveva un aspetto più autunnale che estivo, di certo molto differente alle spiagge italiane in pieno boom estivo.

Prima di arrivare in spiaggia non perdetevi la grande statua bronzo della tartaruga simbolo della durata della vita. Uno foto è d’obbligo!

 

 

Curioso poi vedere l’abbigliamento delle persone indeciso tra l’estivo a maniche corte e l’invernale con cappotti e stivali!

 

Ma proprio l’aspetto retrò e un po’ decadente di Jurmala che ci ha più colpito.

 

Progetti faraonici di hotel super lussuosi (come il Baltic a 5 stelle a forma di nave!) residenze decadenti, giardini verdissimi e un’aurea nostalgica e decadente davvero molto chic.

 

Il periodo di maggiore splendore Jurmala lo ebbe negli anni venti e trenta del Novecento quando era considerata la meta balneare più occidentale dell’Unione, attirando l’establishment lettone e russo.

Adiacente alla spiaggia troverete immerse nei boschi di conifere e betulle tantissime villette colorate con i loro giardini verdissimi e curate nel caso in cui sono abitate oppure decadenti, ma così affascinanti, nell’attesa di nuovi proprietari.

 

LEGGI ANCHE – > Riga e l’art Nouveau 

 

La speculazione edilizia aveva iniziato la sua attività, ma per fortuna non ha avuto molto seguito e a parte qualche “mostro” qua e là l’aspetto di questa spiaggia dalle panchine azzurre che si affaccia sul Mar Baltico è rimasto ancora intatto.

 

Come arrivare alla spiaggia di Jurmala da Riga

Jurmala si trova ad una ventina di chilometri dalla capitale lettone ed è raggiungibile facilmente in treno. In realtà Jurmala non è una località vera e propria ma comprende diversi villaggi che si susseguono per una decina di chilometri tra spiaggia bianche, dune di sabbia e resti, decadenti o per lo più incompiuto dell’epoca sovietica. Scendete a Majori, troverete anche un po’ di vita e vitalità.

 

 

 

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Posted by:

Racconti di Marche

Di qua, di là, nelle Marche ma anche un po’ più lontano. Perché quello che conta nel viaggio è la scoperta non i chilometri fatti.

Leave A Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked (required):

Racconti, viaggi, cibo e storie. Benvenuto sul travel Blog Racconti di Marche

Che stia ricercando informazioni sulle Marche, sul tuo prossimo viaggio o tu sia capitato qui per caso non importa. Spero che la lettura di questo blog sia piacevole e ti possa essere utile. Tutti i contenuti e le foto di questo blog sono riproducibili e utilizzabili. Basta citare e linkare la fonte Buona navigazione. Nadia

prenota il tuo viaggio nelle Marche

Booking.com
buzzoole code

Back to Top