I 430 gradini per scendere fino all’eremo di Santa Sperandia

In mezzo ai boschi, ben 430 gradini, un po’ di traversine ferroviarie fino agli ultimi ripidissimi in travertino, per raggiungere la grotta che fece da eremo per alcuni anni a Sperandia la Santa Patrona di Cingoli.

L’eremo di Santa Sperandia si trova sul Monte Acuto e per raggiungerlo potete passare da Treia, prendendo per la frazione di San Lorenzo, o da Cingoli, prendendo la strada per San Severino e seguendo le indicazioni.

Arrivati su una sorta di alto piano avrete due possibilità: scendere alla grotta o andare verso la Roccaccia dove vi si aprirà lo spettacolo del panorama delle Marche (ovviamente potete farle entrambe, di certo la parte più impegnativa è la discesa, ma soprattutto la risalita dall’eremo).

 

eremo-santa-esperandia

 

I 430 gradini verso l’eremo di Santa Sperandia.

La Santa Patrona di Cingoli visse qui alcuni anni, prima di giungere in città e trascorrere nel monastero delle Benedettone gli ultimi suoi anni di vita. (Il suo corpo, ancora intatto, è custodito nell’omonimo monastero di Cingoli).

scalinata-eremo-sperandia

eremo-s-esperandia

 

La discesa verso l’eremo è impegnativa, meglio affrontarla con delle comode scarpe da ginnastica. La prima parte è in mezzo al bosco, poi iniziano i gradini fatti dalle traversine in legno, fino ad arrivare agli ultimi, una cinquantina, in travertino e molto ripidi.

 

scale-esperandie

 

Arrivati alla grotta vi si aprirà un piccolo spiazzo, con una cappellina in muratura adiacente la grotta.

 

Nei pressi (io non ne sapevo l’esistenza e non l’ho vista, ma l’ho scoperta successivamente documentandomi in rete per scrivere l’articolo) c’è una pozza d’acqua sempre rifornita anche nei periodi di siccità, dalla quale, si narra che la Santa si procurasse la necessaria acqua.

 

La Roccaccia

Una volta risaliti non perdetevi lo spettacolare panorama che si gode dalla Roccaccia. I ruderi di questo castello, a confine tra il territorio di Cingoli e Treia, hanno una lunga storia risalente ai primi XII secolo. Leggenda narra anche di una misteriosa tessitrice dal telaio d’oro che tesseva nei sotterranei e da una gallina dalle uova d’oro…

roccaccia

 

la-roccaccia-treia-strada

 

Per maggiori informazioni sulla Roccaccia e sul periodo storico della sua costruzione vi consiglio la lettura dell’articolo dei Luoghi del Silenzio.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Posted by:

Racconti di Marche
Di qua, di là, nelle Marche ma anche un po' più lontano. Perché quello che conta nel viaggio è la scoperta non i chilometri fatti.

Leave A Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked (required):

Racconti, viaggi, cibo e storie. Benvenuto sul travel Blog Racconti di Marche

Che stia ricercando informazioni sulle Marche, sul tuo prossimo viaggio o tu sia capitato qui per caso non importa. Spero che la lettura di questo blog sia piacevole e ti possa essere utile. Tutti i contenuti e le foto di questo blog sono riproducibili e utilizzabili. Basta citare e linkare la fonte Buona navigazione. Nadia

prenota il tuo viaggio nelle Marche

Booking.com
buzzoole code

Back to Top