La Galleria di Arte Moderna di Palazzo Buonaccorsi

Macerata – Palazzo Buonaccorsi arricchisce la sua già straordinaria collezione adibendo il terzo piano alle opere per lo più futuriste Maceratesi e non solo del Novecento.

Finalmente dopo mesi dalle sua apertura riesco a visitare il terzo piano di Palazzo Buonaccorsi nel cuore di Macerata. Avevo visto le foto delle opere fotografate dagli Instagramers durante #Marcheinaday e ne ero rimasta affascinata.

La visita non ha deluso le attese.

novecento-palazzo-buonaccorsi

Già Palazzo Buonaccorsi, con il piano interrato adibito a Museo della Carrozza e il Piano Nobile dedicato all’arte antica con opere di livello del Crivelli e la bellissima Sala dell’Eneide, mi avevano conquistata. Con l’allestimento del terzo piano Palazzo Buonaccorsi entra a pieno titolo tra i musei di livello internazionale.

crivelli-palazzo-buonaccorsi

LEGGI ANCHE–> Macerata – Palazzo Buonaccorsi 

La collezione di Arte Moderna racconta molto del Futurismo a Macerata. Una storia iniziata con l’Expo delle Marche nel 1905. Quello del Futurismo a Macerata ha avuto una bella storia dai mostri sacri come Ivo Pannaggi (a lui un’intera sala dedicata) e Osvaldo Licini, ad una miriade di altri autori che sebbene di provincia hanno saputo interpretare in maniera autonoma e innovativa il Futurismo.

buonaccorsi-paesaggio

Così troviamo una rara rappresentazione sacra in chiave futurista, elementi del paesaggio e della vita marchigiana letti in diverse chiavi via via più astratte.

palazzo-buonaccorsi-futurismo

L’esposizione inizia con la sala dedicata a Gualtiero Baynes, con due splendidi ritratti (notate come la tecnica sia a macchie e non ci sia l’utilizzo del tratto) e una serie di finissime tavolette (a me sono piaciute quelle in fondo a tema ortofrutticolo).

gualtiero_baynes

Poco più avanti una commovente scena di campagna. Avete presente i famosissimi mangiatori di patate di Van Gogh? Qui nella versione marchigiana la polenta sulla spianatoia prende il posto delle patate, in un racconto intimo e sincero della vita umile contadina marchigiana, ma molto familiare e serena,  di fine Ottocento.

palazzo-buonaccorsi 900

Il quadro che però mi ha colpita maggiormente  uno splendido trittico dedicato alla paesaggio marchigiano, in particolare a Monte Lupone. Chi ama le Marche non può non amare quest’opera di Pellini.

pellini

Ora raccontarvi tutte le opere esposte è davvero lungo, e poi non posso mica spoileravi tutta la visita!

Vi anticipo solo alcune piccole chicche: il mito della moto (ossessione per i norvegesi, che Pannaggi conobbe bene), gatti sui tetti che sembrano uscire dalla tela o forse inglobare in essa lo spettatore, artisti futuristi cinesi, astrattismo, sculture.

ivo_pannaggi

Trovate l'intruso...

Trovate l’intruso…

Un ultimo consiglio per comprendere al meglio il Novecento, maceratese e non, abbinate la visita al poco distante Palazzo Ricci (sperando sia aperto, magari fate una telefonata 073326 14 87).

LEGGI ANCHE–> Palazzo Ricci – Un Tuffo nell’arte del Novecento. 

palazzo-buonaccorsi-3

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Posted by:

Racconti di Marche
Di qua, di là, nelle Marche ma anche un po' più lontano. Perché quello che conta nel viaggio è la scoperta non i chilometri fatti.

Leave A Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked (required):

Racconti, viaggi, cibo e storie. Benvenuto sul travel Blog Racconti di Marche

Che stia ricercando informazioni sulle Marche, sul tuo prossimo viaggio o tu sia capitato qui per caso non importa. Spero che la lettura di questo blog sia piacevole e ti possa essere utile. Tutti i contenuti e le foto di questo blog sono riproducibili e utilizzabili. Basta citare e linkare la fonte Buona navigazione. Nadia

prenota il tuo viaggio nelle Marche

Booking.com
buzzoole code

Back to Top