Conero – Il Passo del Lupo


RIVIERA DEL CONERO – Costituisce uno dei sentieri più belli, e controversi, del Parco del Conero. Ecco tutto, o quasi, quello che c’è da sapere sul Passo del Lupo.

Il Passo del Lupo rappresenta uno dei tanti sentieri che si possono percorrere nel territorio del Parco del Conero, indubbiamente è uno dei più belli in quanto offre degli scorci sul monte, sul mare e sull’entroterra marchigiano davvero mozzafiato.

 

riviera_del_conero

Il Passo del Lupo è l’antico sentiero che conduceva alla spiaggia delle Due Sorelle. Sentiero che veniva percorso anche dai minatori che lavoravano in passato nelle cave quando non potevano raggiungerle via mare. Ora la spiaggia è accessibile solo via mare.

 

Il tratto, con fune metallica, da cui inizia il divieto di transito.

Il tratto, con fune metallica, da cui inizia il divieto di transito.

Dal 2009  una parte di questo sentiero è chiuso: quando la strada inizia a scendere, e a farsi pericolosa, e visto che molti specie in estate si avventuravano anche in infradito, un’ordinanza (piuttosto controversa) del Sindaco di Sirolo ne ha vietato il passaggio.

 

LEGGI ANCHE -> Tre sentieri da fare sul Conero 

 

 

Il tratto che si può percorrere è comunque affascinante anche perché permette di arrivare ad un meraviglioso punto panoramico (il divieto scatta da lì). Il sentiero si può imboccare o dal cimitero di Sirolo (potete lasciare le macchine lì) o dal ristorante Bel Vedere che si trova lungo la strada che sale sul Monte.

La prima tratta è quasi completamente immersa nel bosco (seguite le indicazioni “Passo del Lupo” e ogni tanto troverete degli scorci tra gli alberi guardando verso sud.

passo del lupo

Il punto panoramico, sulla sinistra il sentiero inizia a scendere e scatta il divieto di transito.

Passerete poi di fianco  ad un piccolo pianoro di ulivi secolari. Immersi nella macchia mediterranea (in autunno ci saranno anche tanti frutti di corbezzoli a farvi compagnia) ben presto attiverete al punto panoramico (di lì in poi la prosecuzione del sentiero è vietata). In basso a sinistra lo strapiombo con la vista delle Due Sorelle, di fronte a voi il mare e a destra tutta la costa e se la giornata è limpida non solo i Sibillini, ma anche la Maiella e il Gran Sasso.

 

due_sorella

 

 

Indossate scarpe da trekking o comunque delle scarpe robuste, la strada che dovete compiere vi impiegherà circa un’oretta a tratta. Ovviamente non dimenticate di portare con voi la macchina fotografica!

 

Ho avuto modo di percorrere questo sentiero in una calda giornata di dicembre accompagnando tre instagramers danesi  nell’operazione promozionale Exploring Marche. Devo ringraziare Massimo Paolucci della Riviera del Conero che ci ha fatto da guida, e che mi ha permesso finalmente di scoprire questo luogo di cui avevo tanto sentito parlare.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Posted by:

Racconti di Marche
Di qua, di là, nelle Marche ma anche un po' più lontano. Perché quello che conta nel viaggio è la scoperta non i chilometri fatti.

Racconti, viaggi, cibo e storie. Benvenuto sul travel Blog Racconti di Marche

Che stia ricercando informazioni sulle Marche, sul tuo prossimo viaggio o tu sia capitato qui per caso non importa. Spero che la lettura di questo blog sia piacevole e ti possa essere utile. Tutti i contenuti e le foto di questo blog sono riproducibili e utilizzabili. Basta citare e linkare la fonte Buona navigazione. Nadia

prenota il tuo viaggio nelle Marche

Booking.com
buzzoole code

Back to Top