picene

La regina di Numana

Tra le attrattive che offrono Numana e Sirolo di certo quella dei reperti archeologici non è la prima che viene in mente, ed è stata una piacevole scoperta sapere che la zona già nel V e VI secolo prima di Cristo fosse già apprezzata e fortemente colonizzata dai Piceni

Ancora più sorprendente scoprire che questa civiltà ha lasciato numerosissime tracce dalle quale possiamo non solo capire il modo in cui vivevano gli uomini e le donne di quel tempo ma anche, e soprattutto, rivedere in loro molti dei nostri comportamenti e modi di fare attuali. Quella dei Piceni del Conero era una civiltà di guerrieri mercenari in cui le donne avevano grandi poteri: gestivano la casa e i possedimenti di famiglia, amavano il lusso e le belle cose, specie se estere ed esotiche, e di certo amavano mostrarlo e mettersi in mostra. Un mondo così diverso dalle vergare marchigiane o dalle ragazze e donne marchigiane di oggi?

Ma da dove si ricavano tutte queste informazioni? Dalle numerosissime tombe scoperte nella zona e dagli oggetti che contenevano. Quelle femminili sono piene di fibule (fibbie), centinaia e centinaia per tomba: probabilmente venivano usate non per i vestiti ma per i capelli, alcune veramente grandi e decorate con pezzi di ambra più grossi di un uovo.

Poi collane, anelli, pendagli, orecchini, decorati con conchiglie dell’oriente, ambra del Mare del Nord e vetro.

I pezzi sicuramente più spettacolari sono i pettorali, che non si mettevano per decorare il petto, come il nome potrebbe far supporre, ma venivano appesi alla cintura. Quello della foto apparteneva ad una bambina ed il suo design ha un’attualità disarmante.

Non sono però ancora arrivata al pezzo forte: la tomba della zona più eclatante è quella della regina: un’area di diametro di 40 metri con due camere dedicate agli oggetti di questa misteriosa e potente donna: tra cui due carri (ci sono ancora le ruote) e una miriade di oggetti incredibili e anche misteriosi, tant’è che probabilmente si trattava di una maga che preparava unguenti e pozioni.

Ma dove vedere tutto quello di cui vi sto raccontando? Al Museo Antiquarium di Numana (si trova nella piazza sottostante il Comune). Il prezzo dell”ingresso è veramente irrisorio ma i pezzi in mostra decisamente spettacolari.

Museo Antiquarium di Numana

Via La Fenice, 4 – Tel. 071/9331162
Aperto tutti i giorni (8.30 – 19.30)
tariffe ingresso:
fino a 18 anni – gratuito
18 – 25 anni – € 1,00
26 – 65 anni – € 2,00
over 65 – gratuito
 

 

Posted by:

Racconti di Marche
Di qua, di là, nelle Marche ma anche un po' più lontano. Perché quello che conta nel viaggio è la scoperta non i chilometri fatti.

2 Comments

  1. Una volta eravamo guerrieri: La regina di Numana | Le Marche un'altra Italia | Scoop.it -  3 gennaio 2013 - 21:32 (Your Comment is Under Moderation)

    […] […] Quella dei Piceni del Conero era una civiltà di guerrieri mercenari in cui le donne avevano grandi poteri: gestivano la casa e i possedimenti di famiglia, amavano il lusso e le belle cose, specie se estere ed esotiche, e di certo amavano mostrarlo e mettersi in mostra. […] Ma da dove si ricavano tutte queste informazioni? Dalle numerosissime tombe scoperte nella zona e dagli oggetti che contenevano. Quelle femminili sono piene di fibule (fibbie), centinaia e centinaia per tomba: probabilmente venivano usate non per i vestiti ma per i capelli, alcune veramente grandi e decorate con pezzi di ambra più grossi di un uovo.Poi collane, anelli, pendagli, orecchini, decorati con conchiglie dell’oriente, ambra del Mare del Nord e vetro.I pezzi sicuramente più spettacolari sono i pettorali, che non si mettevano per decorare il petto, come il nome potrebbe far supporre, ma venivano appesi alla cintura. Quello della foto apparteneva ad una bambina ed il suo design ha un’attualità disarmante.Non sono però ancora arrivata al pezzo forte: la tomba della zona più eclatante è quella della regina: un’area di diametro di 40 metri con due camere dedicate agli oggetti di questa misteriosa e potente donna: tra cui due carri (ci sono ancora le ruote) e una miriade di oggetti incredibili e anche misteriosi, tant’è che probabilmente si trattava di una maga che preparava unguenti e pozioni. […]  […]

    Rispondi
  2. […] […] Quella dei Piceni del Conero era una civiltà di guerrieri mercenari in cui le donne avevano grandi poteri: gestivano la casa e i possedimenti di famiglia, amavano il lusso e le belle cose, specie se estere ed esotiche, e di certo amavano mostrarlo e mettersi in mostra. […] Ma da dove si ricavano tutte queste informazioni? Dalle numerosissime tombe scoperte nella zona e dagli oggetti che contenevano. Quelle femminili sono piene di fibule (fibbie), centinaia e centinaia per tomba: probabilmente venivano usate non per i vestiti ma per i capelli, alcune veramente grandi e decorate con pezzi di ambra più grossi di un uovo.Poi collane, anelli, pendagli, orecchini, decorati con conchiglie dell’oriente, ambra del Mare del Nord e vetro.I pezzi sicuramente più spettacolari sono i pettorali, che non si mettevano per decorare il petto, come il nome potrebbe far supporre, ma venivano appesi alla cintura. Quello della foto apparteneva ad una bambina ed il suo design ha un’attualità disarmante.Non sono però ancora arrivata al pezzo forte: la tomba della zona più eclatante è quella della regina: un’area di diametro di 40 metri con due camere dedicate agli oggetti di questa misteriosa e potente donna: tra cui due carri (ci sono ancora le ruote) e una miriade di oggetti incredibili e anche misteriosi, tant’è che probabilmente si trattava di una maga che preparava unguenti e pozioni. […]Leggi tutto  […]

    Rispondi

Leave A Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked (required):

La scrivania di Racconti di Marche è verde

Tiendeo - Offerte cataloghi e volantini - risparmiamo carta!
gennaio: 2013
L M M G V S D
« dic   feb »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Teads - Top dei blog - Viaggi

Luoghi paesaggi e sensazioni della Regione Marche.

Che stia ricercando informazioni sulle Marche o tu sia capitato qui per caso non importa. Spero che la lettura di questo blog sia piacevole e ti possa essere utile. Tutti i contenuti e le foto di questo blog sono riproducibili e utilizzabili. Mi farebbe comunque piacere se la fonte venisse citata, specie se hai apprezzato il mio lavoro. Buona navigazione. Nadia

Commenti Recenti

  • Nadia says:

    Intendi queste? http://www.lepadellefanfracasso.it/2012/04/ciambelle-strozzose-di-pasqua.htmlù N.

  • Racconti di Marche says:

    Da me si chiama semplicemente ciambella, ma intendi quella spalmata fuori con l'albume che la fa div

  • Lara Torre says:

    La ciambella dolce di Pasqua con gli zuccherini colorati e tante uova nell'impasto. Prima di cuocer

Back to Top